L’ultima pagina

La riunione di redazione cominciò alle undici e diciasette. Gli autori e i giornalisti di seconda fascia seduti compostamente al tavolo ovale, ognuno con una tazza rossa davanti e del caffè ormai freddo all’interno, lo avevano atteso per oltre quaranta minuti: