Bettini calcio

PRIMO GIORNO DI ALLENAMENTO
«Marco! Ma l’hai visto quello nuovo?»
«Chi, Francè? Quello che assomiglia a un supplì co’ le zampe?»
«Sì sì… proprio lui! Proprio un supplì co’ tutti quei brufoli in faccia e quel lardo che lo acciambella! Come se chiama quel coso?»
«Federico.»
«Ah, ok! Federico sì.»

U iafu

Su nchianata susu u iafu. Tanìa e robbe a spannire. Tanìa puru u cannizzu, ca l’era ‘vutare.M’aggiu ziccata allu parite ca l’anca fessa è tosta cu se mmove. Chianu chianu l’aggiu fatta. Ogni vota ca nchianu d’assusu me sentu nà regina.

A jumara

La coda della lucertola continua a muoversi a scatti, sbatte nervosa sulla terra da destra a sinistra e da sinistra a destra. Io sono lì che la osservo ipnotizzato, fissando quella puntina di sangue che esce da dove si è spezzata, mentre a cantilena recito la formula che mi ha insegnato Giuseppino:

Zucchero filato

E te pareva che nun trovavo ‘o stronzo?

“Daje Tappo, che è ’n lavoretto facile facile”, m’ha detto er Principe. E io, scemo, che j’ho dato pure retta…

Er forbicetta

So’ de Prima Valle, ho 17 anni e me chiamo Mario, che magari è un nome der cazzo ma tanto pure si me chiamavo tipo Mirko o Jonathan era uguale tanto er nome mio nun se lo ricorda mai nisuno. Pure quanno annavo a scola che ero pischello, er nome mio nun soo ricordava manco la maestra, dopo sett’anni ancora me chiamava “coso”.