Il bello, il brutto e l’Oscar