Luca Ricci: “Un libro non dovrebbe essere collocato nello stesso campo di un videogame”