Gino Falorni: “Quando qualcuno entra nel taxi ho modo di osservare un frammento di vita”