Il “nevrotico” maggio toscano tra Firenze e Pistoia, Gipi e Mara Cerri