“24”: la contemporaneità della crudeltà