La calunnia e il suo ritmo rossiniano