Enrico Valenzi: “Bisogna esser capaci di danzare con la penna”