Il racconto che salvò la piccola editoria