Convivendo pacificamente con i propri sensi: la seta di Atsuko