Condividi su facebook
Condividi su twitter

Illusioni di primavera

di

Data

«Mi piace l’entusiasmo che ci piglia tutti con la primavera.» «Piglia a te, magari. Io ho sempre sonno.» «E sogni?»

«Mi piace l’entusiasmo che ci piglia tutti con la primavera.»
«Piglia a te, magari. Io ho sempre sonno.»
«E sogni?»
«Sì, qualche volta.»
«Ti ricordi l’ultimo?»
«No, non credo.»
«Allora scrivili.»
«A che pro?»
«Per non dimenticarli.»
«E tanto che mi cambia?»
«Che un giorno forse, quando vorrai riassaporare quel sogno, le tue pagine ti restituiranno l’odore di questa primavera che avrai dimenticato.»

 

Questa settimana i nostri allievi si librano nell’aria…

Il signor Caviello fruga tra le tasche in un tintinnio costante che a volte può anche cedere. Giulia Sorcioni ritrae un uomo e il suo tormento.

Su questa panchina volevo stare tranquillo con te, Martino. Perché non la smetti? Perché questo profumo? Tommaso Toresi duella con una scelta turbolenta.

La palla è sul dischetto. Il pubblico è col fiato sospeso. Sono il capitano di questa squadra. Sono il capitano della mia esistenza. Alessandro Castrichella calcia un rigore fermo nel tempo.

Gentili condomini, sono io, la signora Tecla. Con la presente ci tengo a informarvi dell’insopportabile fastidio che mi provoca la vostra esistenza. Nicoletta Mauceri dà voce a un’insolita convivenza tra condomini.

So’ Zeus, mica ‘n semplice coatto come voi artri che nun avete ancora capito che i piedi mica li poggiate solo sui sampietrini, ma soprattutto nelle buche de sta Roma sgretolata. Vabbè. Riccardo Scafati scatena Zeus nella capitale.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'