Condividi su facebook
Condividi su twitter

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
Non sapevo come dirlo. Non esistevano le parole giuste. Poi sono cadute così, una dietro l’altra. Michaela Diotallevi verseggia in grammelot le profonde emozioni di un vecchio.

Me garado ronno e miro solo pennuli, parchine e veji.
Com’ajo fatto a catafire qui me romanno?
Fra li veji.
Fra li odori de carne moruta.
Fra li rimembri e li rimbrorsi de ‘na vita che è ita.
Nell’odore de prascio che vajeggia fra ‘ste franze bianche.
E loro micono che duvemmo sollarci, cammenare nui poveri
veji, ma pe du ire? Colle nostre gramme stracche, le brossa
crascianti e li nostri rinchianti?
Lo rumore de li peroni strassati, inchiannati, dulenti
Com’ajo fatto a catafire qui me romanno?
Era sulo ieri che lo core spemava e
purpava d’amore sprimente.
Era sulo ieri che era impromante lu domani, nun oji che è un
eterno premente.
Du si amore sforvente? Du si ito nei jorni in cu’ n’eri cumme?
T’ho prutato nella mente, chionnato nel core, crognato
pe sempre.
Si già itu oppure anche tu chi attenni?
Sirente come si stato tutto lu tempo…
Du so le tu mani, la goja, l’odore?
Si sulo chi nella mia mente?
Te premo torna da me stavoja, pe sempre.
Solu tu sa can un so vejo.

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'