Condividi su facebook
Condividi su twitter

Una terra inesplorata

di

Data

Quando ti accingi a scrivere un racconto o un romanzo stai per entrare in una terra inesplorata. Ancora non sai quali leggi fisiche o culturali regoleranno questo nuovo universo. Ancora non conosci bene il tuo personaggio.

Quando ti accingi a scrivere un racconto o un romanzo stai per entrare in una terra inesplorata. Ancora non sai quali leggi fisiche o culturali regoleranno questo nuovo universo. Ancora non conosci bene il tuo personaggio. Ancora non sai quale atmosfera bagnerà o seccherà i tuoi pensieri. Ma tu procedi, per curiosità, per incoscienza. Ahi, quanto è bella l’incoscienza. Superato il primo ostacolo continui ad avanzare anziché tornare indietro. Incassati i primi colpi, per curiosità ti spingi oltre: dovrà pur esserci da qualche parte uno sprazzo di luce, ti dici. E così scegli di non accomodarti, di non far accomodare il tuo personaggio e soprattutto il tuo lettore. Perché anche se è vero che legge da seduto, non è altrettanto vero che le sue gambe non comincino a tremare.

 

Questa settimana i nostri allievi si avviano alla ricerca di terre inesplorate…

Ho deciso che per questa Missione C19 terrò un diario di bordo per capire come funziona questa navicella e magari, nell’evenienza, ricordarmelo in futuro. Barbara Vecchietti intraprende una missione che ha tanto da svelare sui tempi d’oggi.

Il sole, il nostro ultimo sole volge al tramonto. Tic tac. Tic tac. Tic tac. E tu sei qui, anche se così distante. Luca Angeletti centellina l’ultimo istante della vita di un uomo.

Un’esplosione. Il corpo colpito. Il mio corpo lacerato. Mio fratello. Mio padre. Madrid. E tutta questa polvere. Pina Porchi dipinge un paesaggio rarefatto dal dolore e dalla sua sopportazione.

Lì, sulle Dolomiti, quel giorno non riuscivo a impedirmi una caduta senza fine mentre oggi salgo a piedi nel mio ufficio in un escalation irreversibile. Andrea Talamonti resta in bilico tra due realtà.

Si danno tante cose per scontate. Come conquistarsi un grembiulino per la scuola, la scuola stessa, i compagni, la normalità. Chiara Gramegna affronta una grande sfida per una ragazzina.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'