Condividi su facebook
Condividi su twitter

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
Il regalo, cazzo! No, l’ho lasciato a Ostia. Non ce la posso fare. Devo tornare indietro. Che faccio, vado al compleanno senza il regalo? Penseranno che è una scusa da scroccona.

Il regalo, cazzo! No, l’ho lasciato a Ostia. Non ce la posso fare. Devo tornare indietro. Che faccio, vado al compleanno senza il regalo? Penseranno che è una scusa da scroccona.
«Betti, cara, mi spiace, non ce la faccio a venire. Sì, lo so… Lo so che ci sono tutti. E che non te lo dovevo dire ora. Cara, ho dato di stomaco. Se sono in macchina? Senti la voce del navigatore? No, ti sbagli, non mi sento bene. Mi mandi Piero che sta già in giro?» 
Oddio Piero, eccolo è già arrivato.
«Ciao Piero.»
«Ciao Lisa, che ci fai qui ferma in macchina?»
«Eh Piero, è finita la benzina… Ecco l’ennesima gaffe. A Betti ho detto che stavo male. Come le metto insieme le due storie? Stavo giusto chiamando Betti e mi si è spento il cellulare.»
«Ah, tranquilla la chiamiamo col mio. Che strana che è. Ma poi che fai? Metti du’ soldi di benzina quando vai in giro? Le donne, mamma mia! Dai non ti preoccupare c’è un self service qui vicino e ci vado io con la bici. Mi serve solo una bottiglia.»
«Che carino che sei… Che rompipalle che sei! Che due palle che sei…»
«Che ci vuole dai, con la bici… Vedi? Le donne cercano sempre qualcuno che gli risolva i problemi.»
«Ah grazie, sei proprio gentile… Però, che palle.»
«Che palle? Ma stai fuori? E mettila la benzina quando esci di casa, no? Mi avete rotto tu, Betti e tutta la vostra combriccola di amiche.»
«Piero scusa, perdonami, non dicevo a te. Dicevo per dire, sono stata pessima, è che io a ‘sta festa non volevo venirci. Sono stanca morta e me ne volevo tornare indietro.»
«E io che c’entro, mica sono un pungiball.»
«Dai monta in macchina, Piero. Andiamocene da qualche parte. La benzina ce l’ho. Non ho il regalo con me e nemmeno la fantasia di andare alla festa.»
«Su questo allora andiamo d’accordo. Comunque sta in forma, le dona questo vestito.
«Dai Piero, andiamoci a prendere un aperitivo. Sono stata una stronza. Non meritava che lo trattassi male. Mi piacerebbe svagarmi un po’ ‘sta sera e Piero non è male…»

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'