Condividi su facebook
Condividi su twitter

Voulez vous coucher avec moi?

di

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
Voulez vous coucher avec moi? Mi stai chiedendo di venire a letto con te? Sì. E perché me lo chiedi in francese? Se lo chiedo in italiano magari sembra volgare.

Voulez vous coucher avec moi?
Mi stai chiedendo di venire a letto con te?
Sì.
E perché me lo chiedi in francese?
Se lo chiedo in italiano magari sembra volgare.
Lo consideri volgare?
Ho solo paura che una ragazza lo consideri tale.
E invece in francese non lo è?
Lo sembra meno, e poi offre una via di uscita in caso la ragazza non gradisca.
Che via di uscita?
Beh, uno può sempre dire che citava il ritornello di una vecchia canzone americana.
Francese.
No, americana. Era il ritornello di Lady Marmelade, una canzone del trio Labelle, un trio americano, tutto femminile.
Ma quanto sei complicato! Insomma mi stai chiedendo di venire a letto con te sì o no?
Sì, ti ho detto di sì.
Ci devo pensare.
A che devi pensare?
Devo pensare se mi va di venire a letto con te oppure no.
Ci devi pensare?
Sì, non voglio fare le cose avventatamente.
Ma che dici? È solo che sei carina, mi piaci e ti voglio portare a letto: tutto qui. Niente drammi, niente passioni.
Ma ti sembro una a cui basta chiederlo e così, con naturalezza, come dici tu, viene a letto con te?
Senti, lascia perdere, fai conto che non ti abbia detto nulla e amici come prima.
No, no, va bene, ci sto.
Ci stai?
Sì, ci sto.
Così ci stai. E perché?
Perché mi va.
Perché ti va.
Senti, ma che hai? Prima ti stavi incavolando perché ci volevo pensare e, ora che ci sto, fai un sacco di storie. Ma che vuoi che te lo chieda io?
Sì, chiedimelo tu.
Bene: vuoi venire a letto con me?
No, così è volgare. Perché non me lo chiedi in francese?

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'