Condividi su facebook
Condividi su twitter

Frutta e scrittura

di

Data

Quanti semi ha un limone? A volte tanti, a volte nessuno. Dipende dalla pianta. Quanti picchi drammaturgici ha un racconto? Uno o nessuno, dipende dallo scrittore e dalla bontà della storia. E che gusto ha un limone?

Quanti semi ha un limone? A volte tanti, a volte nessuno. Dipende dalla pianta. Quanti picchi drammaturgici ha un racconto? Uno o nessuno, dipende dallo scrittore e dalla bontà della storia. E che gusto ha un limone? Dipende con che cosa lo combini. Puoi metterci del sale o dello zucchero, e ci sarà chi sarà disposto a mangiarlo così e chi no, dipende dal lettore. E poi ci sono gli editori che amano i limoni con i semi e l’aggiunta di sale e chi invece i semi proprio non li sopporta e li preferisce con lo zucchero. E poi gli editor, a cui spetta il compito di riconoscere la qualità di un limone già dalla scorza, senza farsi condizionare dalle proprie preferenze.

Questa settimana i nostri allievi mettono in mostra i propri frutti giunti a maturazione…

Io ho un piccolo animale difficile da descrivere e da accettare per i miei genitori. Ma io a questo animaletto voglio bene e non lo considero strano come dicono i miei. No, io non lo abbandonerò. Luciano Lo Casto si identifica con un essere che ha pieno diritto di essere amato e compreso.

Mio caro amico, io so che nelle tue vene scorre la terra brumosa che hai lasciato. L’hai portata con te perché questo accade a chiunque nasca qui, non c’è modo di fuggire da questa nebbia e da questo vento. Tu sei la stessa terra e lo stesso vento. Veronica Santoro scrive una lettera che forse in cielo ascolteranno.

Boing boing boing… I miei boing facevano vincere, davano orgoglio, euforia ed erano un tutt’uno con la mano del lanciatore e poi con il canestro. Boing boing… Oggi sono un po’ più vecchio, ma le mani che mi lanciano verso il cielo sono più leggere. Andrea Pastore dà voce a un pallone arancione.

Da queste parti il sole non passa mai, anche se il buio in cui vivo è un buio caldo e ci sto bene. Poi sei arrivato tu, e ho capito che così bene non ci stavo. Ma ora stai andando via, mentre la luce si assottiglia. Carolina Gnecco abbraccia con le sue parole una nuova vita.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'