Condividi su facebook
Condividi su twitter

Intercessioni

di

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
Cara Peppina, Ti scrivu sta lettera pure si u sacciu che rimarrà carta morta, propriu come a tìa. Non t’ha offenniri, ma è a virità. Anche se muristi vecchia, sempre morta resti.

Cara Peppina,
Ti scrivu sta lettera pure si u sacciu che rimarrà carta morta, propriu come a tìa. Non t’ha offenniri, ma è a virità. Anche se muristi vecchia, sempre morta resti. 
Ti scrivu pirchì tu m’ha dda aiutari, in quanto commare di vita e amatissima vicina di casa. La cosa chi ti chiedo è semplici per u posto unni ti trovi: si stai sopra, nto cielu, ti prego di intercedere cu Signuruzzo pi mia, ma si finisti in basciu non ci sunnu problemi: puru u diavulu mi va bonu. Uno vali l’autru, non vogghiu giudicarti. Ci ha chiediri una sola cosa: chi si pigghiassuru subito, immediatamente, u cretinu di to frati. E ti dico puru pirchì:

Puntu primo.
A matina, quannu vaiu a stendiri i panni in cortile, iddu nesci subito fora du porcile e chi mani lordi di fangu m’intappa i lenzoli appena lavati. Quando pigghiu a scupa pe’ bastunarlo, si chiudi in casa e non nesci cchiù finu all’ora de pranzu.

Puntu secondo.
Poi a menzuiorno, quando mi settu a tavola per manciari, iddu veni davanti a me casa e sona o campanello pe’ mezz’ura finché non mi alzo. E quannu apru a porta si nasconde arreti a un palo e urlando mi fa scantari. E non finisci cca.

Puntu terzo.
Quannu u pomeriggiu vaiu a missa mi segue e non solo bestemmia u Signuruzzu beddu ma anche mi dici cose disdicevoli, che non dovrebbero nesciri da bucca di un uomo da so età.
E potrei elencarti milioni di autri così ma sugnu stanca anche solo mi ci penso. 
Ora tu m’ha risolbiri a questione. Parla con chi vo tu, ma aiutami. To frati m’avi lassari stari, ppi sti quattro iorna che mi restunu di viviri.

Ossequi,
Melina

*

 

Cara Melina,
Tutto mi aspettavo meno che sta lettera da parti to. Sunnu du anni che murì e tu sulu ora ti decidisti a scriviri? E mancu mi dumandasti unni sugnu, si cca si sta bonu, chi fazzu tuttu u iornu. 
No, non mi dumandasti nenti, pirchì non ti nni futti nenti. 
Non mi meravigghia propriu, si sempri stata accussì, a pinsari ai fatti toi prima di tutti l’autri. Ma ora che mi dumandi intercessione, addirittura ppi me frati, è troppu. Ta po scurdari. E non solo picchì sei na donna ingrata, ma anche pirchì tuttu chiddu chi dici su me frati è menzogna.

Punto uno.
A matina iddu si alza prestu ppi guardari i bbestie e non n’avi tempu di perdiri cu ttia chi ti alzi a menzuiorno e va a stendiri i panni.

Puntu due.
A ora di pranzu me frati va da so niputi Turidda e mancia così beni che non si alza du tavulu prima di quattru, quinni chi è che sona a to casa è cacchi n’autru.

Puntu tre.
Quannu tu va a missa me frati dormi, pircchí a notti spesso avi a travagghiari.

Quindi, finiscila di diri cazzati.

Con affetto,
Peppina

*

 

Cara Peppina,
m’ha scusari si non ti scrissi prima ma tu si morta e io non pensava davvero chi tu putii leggiri e addirittura rispunniri.
Esti una sorpresa fantastica. 
Ti ricoddi l’intercessione chi ti dumannai? Lassa peddiri. I cosi adesso canciaru. Te lo devo proprio dire, mia cara Peppina. Quannu lessi chi tu non mi vulia aiutari, decisi di fari tuttu da sula. Grazie a tia seppi che ogni iornu to frati pranzava da Turidda e mi fici invitari puru io. Avevo pronta una boccia di acqua rraggia da versare o mumento cchiu opportuno nto vino di to frati e mandarlo na vota ppi tutti o Creauturi. Aspettai sulu chi nuddi vidissi. L’occasione fu propizia quannu Turidda eppi a scappare a scola, pircchí u so picciriddu si sintiu mali. Ristai o tavolo da sula cu to frati. Era tutto pronto ma quannu stavo per concludere iddu mi pigghio i manu e si misi supra o cori.
«Melina – mi dissi – tu m’ha scusari ma io fici chiddu chi fici sulu picchí come ti vogghiu beni io non tinni voli nuddu.» 
Ero sconcertata, tu giuru. Ma poi iniziai a guardarlo con occhi diversi e capii che non era male comi pinsava. E che forsi puru io l’amava.
Capito Peppina? Adesso io e tìa semu cchiù che cummari, semu soru. To frati è pazzu da legari, mi dissi oggi chi mi voli spusari. Sugnu accussì felice che ti abbracciria, si tu fossi cca.
Ti vogghiu beni.

To soru acquisita,
Melina

*

 

Caru Signuruzzo,
Ti chiedo intercessione per una povera anima in pena.
Pigghiati subito, prima cchi pò, Melina a zitella. Fallo ppi mia. E si non pò, pigghiti almeno du rincoglionito di me frati, che sta facendo na cazzata grossa come na casa. Ti pregu, aiutami tu.

Tua devota,
Giuseppina

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'