Condividi su facebook
Condividi su twitter

Iniziare

di

Data

Vento. Mare. Vento-mare. Strada. Chiosco. Una busta vola. Clacson. Tanti clacson. Rami. Scarpe. Lampioni spenti. Passi. Un foglio bianco. Voci. Riprova. Il mento nella sciarpa. Bicicletta con rotelle. Cielo terso. Una riga buona. Passi.

Vento. Mare. Vento-mare. Strada. Chiosco. Una busta vola. Clacson. Tanti clacson. Rami. Scarpe. Lampioni spenti. Passi. Un foglio bianco. Voci. Riprova. Il mento nella sciarpa. Bicicletta con rotelle. Cielo terso. Una riga buona. Passi. Tintinnio di chiavi. Passi. Scatto di una penna. La panchina si è scaldata. Una storia comincia a dipanarsi. Il mondo suggestiona. Osservi. Scrivi un’altra frase. Cancelli. Scrivi un’altra frase. Mentre attendi che qualcuno si riveli, provenendo dal mare.

Questa settimana i nostri allievi sono stati concisi e puntuali nello sviluppo delle proprie fantasie…

Eh sì, lui è ovunque. Certo. Lui è in ogni intercapedine del mio pensiero, lui è sulla strada di fronte a me, lui è nella luccicanza del pulviscolo di un luogo che neanche conosco. Ma ma ma… Marco Renda mette in scena la confusione di uno stato emozionale allineato perfettamente con la realtà delle cose.

Senti Lucio, io ti scrivo, ma dico: perché? Perché quando hai scritto queste dannate e belle canzoni non hai pensato a me? Chiara Pardini si siede a un tavolo, per comporre una lettera che anche in cielo ascolteranno.

Ascoltami amico mio, quello nun andrà da nessuna parte. Quello, quello lì, è solo ‘n perdente… ‘n perdente… ‘n perdente… Ma pecché mo te manca ‘n dente? Claudio Chiavari dà rilievo a punti di vista mal centrati.

Lei si siede lì, sempre a quella postazione. Sempre con i suoi occhiali. Odiosa. Lei è seduta lì, alla sua postazione illuminata. Con gli occhiali. E le dita affusolate. Giulia Lombardo interviene sull’illuminazione di un ufficio che ha qualcosa da rivelare.

Sono io ad avere il controllo, sempre. E questa volta ho deciso nei minimi particolari il giorno e l’ora in cui morirò. Non resta che aspettare… Claudia D’Agostino dà voce a una mente singolare che non lascia nulla al caso.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'