Condividi su facebook
Condividi su twitter

Bettini calcio

di

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
PRIMO GIORNO DI ALLENAMENTO «Marco! Ma l’hai visto quello nuovo?» «Chi, Francè? Quello che assomiglia a un supplì co’ le zampe?» «Sì sì… proprio lui! Proprio un supplì co’ tutti quei brufoli in faccia e quel lardo che lo acciambella! Come se chiama quel coso?» «Federico.» «Ah, ok! Federico sì.»

PRIMO GIORNO DI ALLENAMENTO
«Marco! Ma l’hai visto quello nuovo?»
«Chi, Francè? Quello che assomiglia a un supplì co’ le zampe?»
«Sì sì… proprio lui! Proprio un supplì co’ tutti quei brufoli in faccia e quel lardo che lo acciambella! Come se chiama quel coso?»
«Federico.»
«Ah, ok! Federico sì.»

TERZO GIORNO DI ALLENAMENTO
«Aò, er supplì deve esse er cocco der Mister!»
«Secondo me er padre deve esse un tipo potente che finanzia ‘a squadra…»
«’Nfatti, er classico fijo de papà che nun sa neanche come è fatta ‘a palla, ma deve esse messo da subito come titolare perché raccomandato.»
«Domenica ce facciamo du’ risate… co’ quella panza gelatinosa se capirà che dovrà fa’ er panchinaro…»
«Speramo solo de nun perde alla prima de campionato!»

DOPO PARTITA
«A Marco, che culo che c’ha quello! Du’ tiri ha fatto e du’ goal pe’ noi!»
«A Francè, c’hai raggione! ‘O sai che sto a rosica’? Anziché esse contento che avemo vinto grazie a lui…»
«C’hai ragione! Adesso nun è solo raccomandato, ma co’ ‘sta botta de culo che c’ha avuto rischiamo de non levaccelo più de torno.»
«Dai, nun te dispera’, domenica prossima se capirà de che pasta è fatto sto’ bignè co’ la crema.»
«Ah, ah, ah…»

DOPO PARTITA DOMENICA SUCCESSIVA
«Aò, ma chi era quella che stava cor panzone? Nun me di’ che era ‘a ragazza sua!»
«Ma che stai a di’! Sarà ‘a sorella, ar massimo ‘a cuggina…»
«Secondo me è ‘a compagna de banco! Uno come a lui, così delicato quanno se move e senza mai di’ ‘na parolaccia nun po’ esse che frocio… e lei sarà ‘a sua amichetta der core.»
«Ah ah ah… l’amichetta der core, sì. Ah ah ah…»

ALLENAMENTO SUCCESSIVO
«… Ma che dici, se ‘i pettina i peli der culo?»
«Ah ah ah… certo che è proprio ‘na scimmia.»

PREPARTITA DOMENICA SUCCESSIVA
«C’è di nuovo l’amichetta sua. ‘A vedi? Lì lì… ’n terza fila.»
«Zitto! Lo sai che Andrea m’ha detto che è la sua ragazza?»
«Nun ce posso crede. Nun ce vojo crede! Un pezzo de gnocca come quella innamorata de uno che porta li pantaloni all’antica co’ quelle oribili felpe de H&M?»
«Boh, così dicono. Speriamo che almeno oggi abbia ‘a solita fortuna ’n campo. Dobbiamo assolutamente vincere con la Romulea per rimanere primi in classifica.»

POST PARTITA
«È ufficiale. Quel coso lì sta co ‘a bambola…»
«Sì, ho visto… Dopo il secondo goal è andato dritto dritto da lei e si sono stampati un bacio in bocca.»
«Mah. Che c’avrà de così attraente poi?»

QUARTA DEL GIRONE DI RITORNO
«Certo che Federico è prezioso per la squadra!»
«Lo penso anche io. Fino a oggi ha segnato in tutte le partite ed è stato anche generoso. Quando era in azione di attacco ha sempre triangolato per passare la palla a chi era messo meglio di lui in campo…»
«E sì, non è mai stato egoista. Ho sentito dire che il Mister gli vuole dare la fascia da capitano.»
«Se la merita.»

FINE CAMPIONATO
«Marco, sai che c’è? Non ci abbiamo capito proprio nulla! Capocannoniere! Quello è un mostro di bravura!»
«Ed è pure dimagrito! Ora ci fa sfigurare pure con quel fisichetto definito.»
«E continua a stare con quella super ragazza. Non è mai mancata a un incontro, neanche in trasferta!»

ULTIMO GIORNO DI ALLENAMENTO PRIMA DELLE VACANZE
«Federico, che puoi venire un attimo da noi?»
«Marco, Francesco… arrivo subito!»
«Stiamo qui.»
«Eccomi. Beh? Che sono quelle facce? Abbiamo vinto il campionato.»
«Sì sì…»
«Che cosa mi volevate dire?»
«Ascolta, parlo io anche per Marco, tanto dobbiamo dirti la stessa cosa.»
«Dimmi, ti ascolto…»
«Scusaci. Ma non chiederci il perché.»

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'