Condividi su facebook
Condividi su twitter

La scrittura è illusione

di

Data

Scrivere è roba da illusionisti. Metti un aggettivo al posto giusto lungo una sequenza di parole ed ecco che l’acqua salata e fredda del bagnasciuga ti spinge a ritrarti indietro, con la spina dorsale puntellata da innumerevoli scariche elettriche che sembrano arrivare da ogni dove.

Scrivere è roba da illusionisti. Metti un aggettivo al posto giusto lungo una sequenza di parole ed ecco che l’acqua salata e fredda del bagnasciuga ti spinge a ritrarti indietro, con la spina dorsale puntellata da innumerevoli scariche elettriche che sembrano arrivare da ogni dove. Poi alzi lo sguardo verso il cielo giallo, e il suo fuoco abbagliante si deposita sulla tua pelle. Respiri. L’odore di mare, di barche e di remi ti riporta a tanti anni fa e a quell’acqua inghiottita che ti faceva tossire. Tossivi anche qualche giorno fa per l’umidità invernale, ma poi hai deciso di andare al mare. Hai seguito la tua rotta perfetta tra i sentieri della mente che ti hanno fatto riassaporare quel sale, quel freddo, l’umidità, e quella voglia di mare.

Questa settimana i nostri allievi approdano sulle loro isole agognate…

Le mie narici si specchiano in una tazza di tè verde, poi si espandono. Di là, o chissà dove le mie nipotine mi chiamano, mi chiamano, mi chiamano… Martina Pietropaoli calza il respiro di una nonna che si sta smarrendo.

Taglio il sedano come va tagliato. È acqua, allora io taglio l’acqua. La taglio, mi taglio: anch’io sono fatto d’acqua. Alessandro Cuomo cambia i suoi capelli con ciuffi di sedano, e al posto delle dita indossa dei gambi freschi.

Mi piace la mia sciarpa gialla. Mi piacciono i girasoli, e i pittori con lo sguardo perso nel vuoto. Martina Pellegrini ascolta i colori di un pittore, e il gracchiare dei suoi pensieri.

C’è un odore in casa, un odore che sento forte da quando non ci sei più. Un odore che mi spinge a illuminare ogni angolo di questo appartamento. Chiara Pardini insegue le tracce di un sentore mutevole e sospeso.

A mio marito non piace quando indosso un rossetto o un vestito nuovo. E ha ragione, non aggiungono nulla alla mia bellezza. Ma oggi ho un’insana voglia di indossare un cappello.Monica Bavagnoli si lascia andare alle sue gioie e alle sue vendette.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'