Condividi su facebook
Condividi su twitter

Babbo Natale è un grande lettore

di

Data

C’è una cosa che non vi abbiamo mai confessato. Noi della Scuola Omero amiamo tantissimo Babbo Natale. Con lui abbiamo più cose in comune di quanto pensiamo. Babbo Natale ama leggere, come noi.

C’è una cosa che non vi abbiamo mai confessato. Noi della Scuola Omero amiamo tantissimo Babbo Natale. Con lui abbiamo più cose in comune di quanto pensiamo. Babbo Natale ama leggere, come noi. Legge così tante letterine piene di sogni, desideri e speranze come accade a noi con i racconti dei nostri allievi. Come lui ci emozioniamo, e torniamo a credere nella magia degli umani. Si veste di rosso Babbo Natale, come il colore che abbiamo scelto per la nostra Scuola: un colore d’amore, di passione: un caldo colore. Sì, perché con le storie che abitano le nostre aule riusciamo a scaldarci e a contrastare il freddo più buio che a volte viviamo per le strade, negli uffici, tra il flusso di gente che ci passa accanto indifferente. Sì, amiamo terribilmente il Natale, e siamo felici di augurare a tutti voi dei giorni caldi, rossi e pieni di luce. Buon Natale. Buon Natale… Buon Natale!

Questa settimana i nostri allievi ci lasciano le loro storie luminose sotto un bel pino…

Aspettavo da tempo questo colloquio di lavoro: è una tappa importante. Ma improvvisamente ecco che mi torna in mente l’acquario di papà. Francesca Rossi avanza con passo deciso tra le sue paure su strade parallele.

Ho fatto entrare una zanzara. Lo so, lo so che sei allergico. Lo so bene. Ma a me non disturba. Barbara Berardi affida a un insetto la consapevolezza di un rapporto in declino.

Il tempo sta per terminare. Ti restano solo 8 minuti e 36 secondi per intraprendere la scelta più importante della tua vita. Che farai? Anton Giulio Calenda sillaba l’irreversibilità del tempo.

Quando eri piccolo la tua favola preferita ero io. Questo non l’ho mai dimenticato. E oggi continuo a vivere con quell’interminabile felicità. Cristiana Pulcinelli confronta le gioie passate con un presente da proteggere.

Continua il ciclo di lezioni magistrali alla Scuola Omero. L’ultima ospite è stata Nadia Terranova che ha argomentato l’importanza degli ambienti nelle storie. Gabriella Bosco ci restituisce la magia di questo incontro.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'