Condividi su facebook
Condividi su twitter

La poesia si ribella

di

Data

Di cosa parliamo quando parliamo di letteratura? Sì, il riferimento è carveriano, anche se Carver preferiva parlare d’amore, sempre utilizzando la letteratura. Ci sono definizioni generali e capillari sull’argomento, ma la sensazione è che oggi le nostri sinapsi raggiungano e si concentrino più facilmente sulla prosa.

Di cosa parliamo quando parliamo di letteratura? Sì, il riferimento è carveriano, anche se Carver preferiva parlare d’amore, sempre utilizzando la letteratura. Ci sono definizioni generali e capillari sull’argomento, ma la sensazione è che oggi le nostri sinapsi raggiungano e si concentrino più facilmente sulla prosa. E la poesia? Carver è stato un gran compositore di racconti perché anche un grande poeta? O viceversa? Questa domanda resterà con i puntini sospesivi per millenni. Speriamo. Ma cosa fa di un narratore una gran voce contemporanea? Sicuramente una buona trovata drammaturgica, una storia dotata di uno scheletro con poche falle. Sì, ma non basta. La sua gran voce dipenderà anche dalle parole scelte e da tutte quelle centellinate, proprio come si adoperano a fare meticolosamente i poeti nei loro componimenti. Non dimentichiamo che le storie più importanti che hanno forgiato la nostra umanità sono state scritte in rigorosi versi, da Omero fino a Dante. E poi? E poi confidiamo che nessuno faccia il verso, trovando nuovi versi, e nuovi suoni, e nuovi significati, per riportare il tessuto umano e le menti a un’idea di letteratura più veritiera.

Questa settimana i nostri allievi scelgono le parole più giuste per dare fibra alla propria storia…

Chi non ama il sangue del suo sangue? Chi non si sente un frammento in mezzo al mondo? E chi ha il coraggio di ammetterlo a sé stesso? Carolina Cuzzoli si arrotola in un punto interrogativo.

Le bugie tolgono il sorriso, e io voglio sorridere e non dire bugie. Solo che questa volta…Francesca Rossi rende omaggio alla vita di un dente e a una crescita silenziosa.

Quanto tempo occorre prima che le ali di una mosca battano sul suo dorso per poi lanciarla in volo? Valentina Rosati centellina il tempo di un’assenza.

Colpiscimi, ammazzami, ma non toccare questo. Questo proprio no. Anna Maria Buffo dà voce a una storia di sangue sudore e coraggio.

Io lo sapevo che andava a finire così, me lo aspettavo. Ma di nuovo c’è che voglio gustarmi questa fine fino in fondo. Annunziatella Gasparini varca la soglia di una staticità permanente.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'