Condividi su facebook
Condividi su twitter

Tra sogno e disciplina

di

Data

Scrivere storie non è semplice. La passione, le proiezioni e i sogni giocano con te come un bambino sulla battigia. Le onde dell’intuizione vanno e vengono, lasciandoti a volte con i pensieri umidi, altre volte con i pensieri asciutti.

Scrivere storie non è semplice. La passione, le proiezioni e i sogni giocano con te come un bambino sulla battigia. Le onde dell’intuizione vanno e vengono, lasciandoti a volte con i pensieri umidi, altre volte con i pensieri asciutti. E cosa resta allora allo scrittore per non perdere la storia che inseguiva sulla riva? La disciplina. La cura costante. La messa in discussione. La tenacia. L’amore.

Questa settimana i nostri allievi reggono botta al loro limbo creativo e solidificano nuove storie…

Io glielo avevo detto a quel fantasma di lasciarmi in pace, poi è arrivata lei. Tommaso Chiarella attraversa i muri spessi di una casa con ironia e leggerezza.

Yo yo, io ballo. Io strafaccio. Io sono un grande… E non sto più nella pelle. Andrea Pastore si lascia andare a una grandiosa breakdance.

Mi bastano sette minuti, solo sette minuti, per misurare il mondo. Michela Piersanti scandisce un insolito flusso di emozioni, ricordi e paure.

Quando mi guardo allo specchio ognuno ha da dire la sua in questa stanza. Claudia D’Agostino caratterizza con gioia le voci di alcuni oggetti inanimati.

Io volevo uscire con le amiche, glielo avevo detto a papà, ma poi lui mi ha trascinata accanto a Gigi Riva nella partita più grande del secolo. Roberta Graziani resta senza fiato nello spazio che intercorre tra un’abitazione e un memorabile campo da calcio.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'