Condividi su facebook
Condividi su twitter

Il volo dello scrittore

di

Data

C’è una casa e un uccello che sbatte le ali. È rinchiuso in una stanza. Sbatte le piume con fatica, chiude gli occhi e pensa al mare. Immagina di volare nel vento, di sfiorare le onde tranquille e di farsi puntare col dito da bambini sudati e in pantaloncini.

C’è una casa e un uccello che sbatte le ali. È rinchiuso in una stanza. Sbatte le piume con fatica, chiude gli occhi e pensa al mare. Immagina di volare nel vento, di sfiorare le onde tranquille e di farsi puntare col dito da bambini sudati e in pantaloncini. Sogna le sere piene di voci e di passi leggeri. Poi riapre gli occhi e stiracchia il collo. Il becco è proteso verso il vetro della finestra e se la spinta che ha preso è abbastanza lunga lo sgretolerà in mille pezzi, pronto a volare via per nutrirsi di storie e fare lo scrittore. È ormai quasi giugno e il tempo è vicino. Richiude gli occhi e aspetta l’impatto.

Questa settimana vola alto con le nuove storie dei nostri allievi…

L’amore quando arriva arriva, ma quando se ne va è tutta un’altra storia. Roberto Gabellotti immortala l’intensità di piccole percezioni in divenire.

Trovare la colonna sonora di una storia è un modo per riuscire a farci i conti. Cesare Gigli sceglie il suo brano, lo ascolta e lo vive fino in fondo.

Il male di vivere è un aghetto piantato in una parte del corpo che si moltiplica in modo inarrestabile fino ad abbracciarlo interamente. Ma poi decidi di scrollarti tutto di dosso.Francesca Caria dà avvio a una corsa a perdifiato.

Non era solo una lettera quella che voleva dargli. In quella lettera c’erano tutte le sue speranze, il suo mondo più vero. Valentina Rosati prende in mano un foglio e una penna.

“Un’edizione affaticata dalle polemiche, quella dell’ultimo Salone del libro di Torino, segno di una tendenza tutta contemporanea a concentrarsi troppo spesso sulla forma e meno sulla sostanza. Con il libro sempre più trasformato in feticcio, collezionato, fotografato e accarezzato dall’effimero alone della bellezza.” Elisa Carrara ci regala uno sguardo lucido e lungimirante sull’evento torinese che ha fatto discutere tutti gli appassionati del libro.

© Testata giornalistica n. 99 registrata presso il Tribunale di Roma il 24/03/2005 – MagO’
Sede legale: Omero srl Largo della Gancia 5, 00195 Roma – CF. 06823371007

Ultime
Pubblicazioni

Sfoglia
MagO'