Condividi su facebook
Condividi su twitter

Instagram delle mie brame

di

Data

Illustrazione di Agrin Amedì
C’era una volta, in una città lontana lontana chiamata Milano, una bellissima ragazza di nome Regina. Adorava stare al centro dell’attenzione e aspirava a essere la più ammirata e desiderata della scuola.

C’era una volta, in una città lontana lontana chiamata Milano, una bellissima ragazza di nome Regina. Adorava stare al centro dell’attenzione e aspirava a essere la più ammirata e desiderata della scuola. Ogni mattina, dopo aver aperto gli occhi, sbloccava lo smartphone e chiedeva: “Instagram, Instagram delle mie brame, chi è la ragazza con più followers del reame?”

Indescrivibile era il suo sorriso quando la voce computerizzata del suo iPhone le rispondeva: “Sei tu, mia Regina”.

Un giorno, dopo aver postato una foto con la sua nuova Gucci limited edition di cui andava particolarmente fiera, chiese di nuovo al suo schermo:

“Instagram, Instagram delle mie brame, chi è la più seguita del reame?”.

Con sua grande sorpresa la robotica voce di Siri le rispose:

“Non sei più tu, mia Regina”.

Inorridita e arrabbiata chiese di nuovo allo smartphone:

“Se non sono io, chi può essere?”

Senza il minimo accenno di compassione Siri rispose:

“@Neve_Bianca, della seconda B. Ecco il tag del suo profilo, non lo vedi com’è magra? Sicuramente è molto più tonica di te. Guarda, la sua ultima foto ha raggiunto 215 like in soli 13 minuti e ha quasi 7K di followers”

Regina, ancora più infuriata, cliccò sul tag della sua rivale, stalkerò l’intero profilo, controllò l’origine di tutti i like.

“Nemmeno un seguace comprato”, pensò sbalordita.

Scorrendo foto di aperitivi e dell’ultima vacanza a Formentera, Regina si rese conto di quanto effettivamente Neve_Bianca fosse magra.

Invidiosa, Regina decise di mettersi a dieta e si iscrisse in palestra, ma ogni mattina notava tristemente che il numero dei suoi ‘mi piace’ non riusciva a raggiungere quello della sua rivale. La sera, mentre si preparava per andare a dormire, passava lunghi minuti a guardarsi allo specchio. Non importava da che angolazione si analizzasse, in nessun modo era soddisfatta della sua forma fisica. Al contrario, ogni sera si trovava difetti nuovi e si prometteva che il giorno dopo avrebbe diminuito ancora il numero di calorie assunte. Fece numerose ricerche sul web fino a scoprire quello che secondo Google era il regime alimentare che le avrebbe assicurato un fisico da modella di Victoria’s Secret: la dieta delle mele. Gli ingredienti? Mele. Entusiasta scaricò un’app per registrare il suo programma di fitness.

Un giorno a ricreazione, già stanca e disidratata per aver saltato la prima colazione, chiese al suo telefono:

“Instagram delle mie brame, ti prego, dimmi che sono di nuovo io la più bella del reame!”

Ma crudele il social network rispose: “No Regina, guarda che occhiaie che hai, non saresti la più bella nemmeno usando tutti gli effetti del mondo. Neve_Bianca ormai ha preso il tuo posto.”

Infuriata, Regina decise che era tempo di vendicarsi e debole camminò fino alla quinta E, dove studiava il ragazzo più bello della scuola, che per lungo tempo le era venuto dietro esaudendo ogni suo desiderio. Lo trovò seduto sul suo banco, intento a scattarsi il terzo o forse quarto selfie della giornata. Sgranocchiando una mela, sua prima e ultima fonte di zuccheri della giornata, gli ordinò di sedurre Neve_Bianca, rubarle il telefono e portarglielo come prova d’amore. A quel punto lei avrebbe cancellato l’account Instagram della sua acerrima nemica e sarebbe tornata a essere la più seguita della scuola. Ma guardandola il ragazzo le rispose: “No Regina, non posso fare quello che mi chiedi. Ti sei guardata allo specchio ultimamente? Sembri malata! Non posso farmi vedere in giro con te o passerei per sfigato anche io. Neve_Bianca invece è bellissima e popolare, la mia lealtà va a lei.”

Regina rimase così ferita da quelle parole che quasi le venne da piangere. Poi si ricordò che con tutto il trucco che aveva addosso non poteva permettersi di far scendere nemmeno una lacrima. Per tutto il resto della giornata non toccò altro cibo tanta era la sua voglia di essere come la ragazza ritratta nella foto. Con il tempo iniziò a sentirsi in colpa di ogni singola caloria che ingeriva. Fece altre ricerche e di nuovo fu proprio il web che tanto amava a darle la risposta. Seguì passo passo tutte le istruzioni del sito. Andò in bagno, legò i capelli, si inginocchiò di fronte al water e dopo averlo riempito di carta igienica per evitare spiacevoli schizzi, mise due dita in gola e vomitò.

Dopo si sentì meglio. Le parve di notare che con l’abbassarsi dei suoi chili si innalzava il numero dei like.

Debolissima ma soddisfatta un giorno richiese al suo schermo:

“Instagram, ora chi è la più seguita del reame?”

Siri rispose: “Regina, tu sei sicuramente molto magra, ma è ancora Neve_Bianca la più seguita del regno dei social”.

Disperata Regina prese la sua mela del giorno e corse in seconda B, voleva affrontare personalmente la sua rivale. Era così pallida in faccia e aveva occhiaie così nere e profonde che sembrava una strega. Raccogliendo le ultime forze chiese di Neve_Bianca.

I compagni le indicarono una ragazzina mora che se ne stava ferma da sola in corridoio a mangiare un pezzo di torta. Non sembrava affatto la stessa persona delle foto.

Dando un morso alla mela, Regina le urlò disperata:

“Neve_Bianca dimmelo, qual è il tuo segreto? Come fai ad essere così famosa e bella e magra sui social?”

La ragazzina alzò la testa, fissò i suoi occhietti neri sul volto disperato di Regina, poi sorrise e facendole l’occhiolino sussurrò: “Photoshop”.

Quell’unica parola fu il colpo di grazia per il già provato fisico di Regina.

Per lo shock, lasciò cadere la mela che lenta e silenziosa rotolò lontano.

Poi priva di forze cadde anche lei, in un tragico sonno da cui nemmeno il bacio di un principe poteva risvegliarla.

Lo schermo si frantumò a terra. L’imperturbabile voce di Siri emise un ultimo, freddo commento: “Non tutti nelle favole finiscono felici e contenti”.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'