Condividi su facebook
Condividi su twitter

Le chele di Licia

di

Data

Ahò, nun poi capì che m’è succcesso. Stavo ar supermercato che me volevo comprà du granchi, così mi madre me poteva fà e chele de granchio fritte. Ahò, i granchi alla “Carefur” de infernetto nun ce stanno mai!, ma sta vorta c’ereno, e l’aveveno messi pure in offerta.

Ahò, nun poi capì che m’è succcesso.
Stavo ar supermercato che me volevo comprà du granchi, così mi madre me poteva fà e chele de granchio fritte. Ahò, i granchi alla “Carefur” de infernetto nun ce stanno mai!, ma sta vorta c’ereno, e l’aveveno messi pure in offerta.
A un certo punto, mentre m’ero preso sotto li bracci quattro scatole de granchi, freschissimi, se movevano ancora, arriva na matta bionda, che me pareva pure una famosa. Erano du goce d’acqua co quella che faceva a pubblicità daa Kinder co na regazzina e a musica americana, che sembrava na mamma bona e comprensiva
Artro che mamma bona e comprensiva, appena m’ha visto me comincia di: assassino, aguzzino, carnivoro, torturatore!
Io non c’ho capito gnente, nun capivo questa che voleva da me. Gli ho detto: “a signò, ma mica sto a fa gnente de male”. E a signora, ancora più avvelenata m’ha detto: “lei è un ciccione assassino, non dovrebbe prendere i granchi così, anzi non dovrebbe prendere proprio cibo animale!”
Io ce capivo sempre de meno e gli ho detto: “me scusi, ma perché me dice assassino, animale, guardi che ho pagato tutto eh! Mica che me li so rubbati!”
A ‘n certo punto, a signora bionda, senza di né a e ne bà, me sarta ar collo, me prende e scatole coi granchi e comincia a core. Io, cor fiatone dar terzo passo, glie vado dietro e vedo che se butta ‘n machina. Me metto in machina pur’io e a seguo.
Arrivati a Ostia, sta matta, nun scenne da a machina e se butta in spiaggia?!
A quer momento, so sceso pur’io da a machina e ho cominciato a nseguilla pe recuperà a cena.
Che poi, nun poi capì er vento e er freddo che ce stava a Ostia ieri ssera.
Comunque, lassamo perde er freddo.
A matta, a ‘n certo punto, ha buttato tutti li granchi sur bagnaasciuga e arcuni se ne so pure iti ar mare! Pe fortuna, artri erano morti e ho cercato de ripijalli.
N’zomma, mentre provavo a pija i granchi da la rina, a matta, con pupa e marito appresso, comincia a menamme: pugni, calci, mozzichi, era na furia! e io glie dicevo: “a signò, ma perché me mena, io so nnucende, nun ho rubato, ho pagato tutto, me volevo solo fa du chele fritte, ma che male t’ho fatto?” E quella, come na iena, continuava a menà e a di: “assassino, negrofilo, preterasta.”
Insomma, alla fine da fiera, so rimasto co due chele rotte in mano, e n’sacco de ficozzi su a capoccia, ma ancora nun ho capito che m’è successo.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'