Condividi su facebook
Condividi su twitter

Il Giappone e l’arte dell’imperfezione

di

Data

Come imparare ad amare ciò che è imperfetto? Ce lo insegna un libro per bambini.

Un nome non è solo un nome: a volte dietro poche sillabe può nascondersi una vera lezione di vita. Wabi Sabi è una parola giapponese intraducibile: è un modo di vivere, di osservare e apprezzare le cose attraverso il velo della loro imperfezione e della loro transitorietà. Tutto ciò che ci circonda è destinato a finire, a sgretolarsi sotto il peso del suo stesso dolore e della sua tragica realtà: noi stessi, i nostri corpi, le nostre vite sono un insieme di imperfezioni e incompiutezze. Com’è possibile dunque amare qualcosa di imperfetto e destinato a morire? A spiegarcelo è un libro per bambini uscito nel 2008, che vede protagonista un gatto di nome “Wabi Sabi” (Little, Brown Books) , perso nelle strade di Kyoto a chiedersi chi è, cosa significa il suo nome e qual è lo scopo della vita. Una vita che sembra sempre più noiosa, banale, incompleta: ed è proprio quando tutto sembra perdersi nella banalità e nel nulla che Wabi Sabi comincia il suo viaggio attraverso l’amore per l’imperfezione e per la quotidianità. Si può amare ed essere amati anche se non si è perfetti, belli, ricchi e di successo: una lezione che tutto l’occidente ha rapidamente dimenticato, ansioso di ricoprirsi dei segni ostensivi dell’affermazione sociale e morale. Riuscire a cogliere la bellezza nell’ordinaria imperfezione delle nostre anime e dei nostri corpi è forse la cosa più difficile da realizzare. Eppure il libro dello scrittore inglese Mark Reibstein insegna proprio questo: attraverso i disegni dell’illustratore Ed Young, la storia del piccolo gatto in cerca di se stesso e del suo posto nel mondo è un monito per tutti noi, sempre ansiosi di scovare la perfezione anche laddove non esiste.

Wabi Sabi” di Mark Reibstein

Illustrazioni di Ed Young

Little, Brown Young Readers

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'