Antologia delle poestie. Puntata 26: Leonardo Sciacallascia

di

Data

Leonardo Sciacallascia (Cannolus Trinacrius) è stato uno scrittore siciliano dallo spirito libero ed anticonformista, che decise di non essere uno dei tanti della sua specie, capaci solo di nutrirsi delle carcasse della guerra e dei resti che ne seguirono,

Leonardo Sciacallascia (Cannolus Trinacrius) è stato uno scrittore siciliano dallo spirito libero ed anticonformista, che decise di non essere uno dei tanti della sua specie, capaci solo di nutrirsi delle carcasse della guerra e dei resti che ne seguirono, ma che decise di andare a fondo nella conoscenza della sua terra e del suo paese, lottando contro ogni forma di potere ingiusto e corrotto, come la mafia o i regimi totalitari, di cui lui stesso fu testimone.

Ne Il Giorno della Civetta lo Sciacallascia racconta di un omicidio, avvenuto in pieno giorno, per il quale fu ingiustamente condannata una civetta, animale notturno ovviamente innocente, mentre i veri colpevoli furono scagionati per evitare che l’indagine svelasse la complicità e la connivenza di personaggi vicini al governo con un boss mafioso.

In Cozze Aperte invece narra la triste storia di alcuni molluschi fatti nascere artificialmente in un campo di allevamento ed in seguito condannati a morte solo per dimostrare al mondo che grazie al regime ogni animale era pulito e sano, privo di mercurio tossico, sostanze cancerogene e metalli pesanti: le povere cozze innocenti furono obbligate dal dittatore Molluscolini ad aprirsi sotto il sole, fiere di farlo a discapito della loro stessa vita. La realtà non è mai quello che sembra, e dietro l’ostentazione del potere si adombra la morte, che è figlia dell’assenza di libertà.

 

___
Leggi le puntate precedenti

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'