Condividi su facebook
Condividi su twitter

Pensieri… mimati.

di

Data

Cado cado cado cado!
Cari Omerici fermi! Immobili! E leggeteve ‘sti pensieri!

Se questo una volta finito di farmi tutte queste foto se ne va senza mettere qualche soldo nel mio cappello inizio a muovermi. Per prenderlo a calci!, pensò il mimo su quel marciapiede.

Com’è bella la fama, pensò la giovane showgirl, appena uscita da quel ristorante, mentre fingeva di essere irritata dai flash di alcuni paparazzi.  

Eh sì! E’ proprio vero che i nonni servono!, pensò quel ragazzo, mentre, usando il contrassegno disabili del nonno, parcheggiava l’auto su quel posto per disabili.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'