Condividi su facebook
Condividi su twitter

PENSIERI DI INIZIO ANNO

di

Data

Ma quando arriva ‘sta cazzo di primavera, pensò un ramo di quell’albero, piuttosto seccato. La prossima volta che sento qualche idiota di essere umano dire che abbiamo sette vite lo graffio sulla faccia fino a cancellargliela tutta!

Ma quando arriva ‘sta cazzo di primavera, pensò un ramo di quell’albero, piuttosto seccato.

La prossima volta che sento qualche idiota di essere umano dire che abbiamo sette vite lo graffio sulla faccia fino a cancellargliela tutta! Il mio padrone compreso!, pensò quel gatto sul balcone, mentre guardava il cadavere di un suo simile, appena investito, giù in mezzo alla strada.

In effetti… esteticamente… non sono proprio il massimo, pensò quell’auto, critica.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'