Condividi su facebook
Condividi su twitter

Sempre tre

di

Data

Appena saprò parlare sarà la prima cosa che dirò a papà, pensò la piccolissima Martina, seduta nel suo lettino, mentre guardava e ascoltava la madre che, in piedi sulla soglia della stanza, scambiava al cellulare frasi d’amore con il suo amante.

Appena saprò parlare sarà la prima cosa che dirò a papà, pensò la piccolissima Martina, seduta nel suo lettino, mentre guardava e ascoltava la madre che, in piedi sulla soglia della stanza, scambiava al cellulare frasi d’amore con il suo amante.

Povera illusa, pensò quello sposo, mentre giurava di esserle fedele sempre, per il resto dei suoi giorni, nella buona e nella cattiva sorte.

Finalmente è tutto mio, pensò felice, mentre piangendo guardava la bara del padre miliardario

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'