Condividi su facebook
Condividi su twitter

tre piccoli, cattivi pensieri

di

Data

Solo gli esseri umani sono capaci di tanta crudeltà, pensò il pesciolino rosso nella vaschetta, appena poggiata dal padrone di casa, tra tante finestre a disposizione, proprio sul davanzale dell’unica che affacciava sul mare.

Solo gli esseri umani sono capaci di tanta crudeltà, pensò il pesciolino rosso nella vaschetta, appena poggiata dal padrone di casa, tra tante finestre a disposizione, proprio sul davanzale dell’unica che affacciava sul mare.

Non è tanto il peso fisico delle persone ad affaticarmi quando le porto su e giù, ma il peso delle loro coscienze, pensò l’ascensore di quel palazzo.

Ma io non voglio che mi ritrovino, pensò la donna scomparsa sulla foto attaccata al muro, mentre si rigirava di spalle.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'