Condividi su facebook
Condividi su twitter

E dispero pensando che il mondo non vedrà mai più una donna così

di

Data

La migliore attrice che la provincia di Belluno abbia mai avuto

Nella vasca idromassaggio Jacuzzi modello energy 170, strategicamente piazzata su richiesta della cliente, dal miglior architetto d’interni di tutta la provincia sotto il grande lucernario che illumina l’intero bagno arredato, sempre su consiglio del grande architetto, in stile minimal ad eccezion fatta per lo specchio, nella suddetta vasca idromassaggio Jacuzzi color nero ebano con i rubinetti laccati oro, la grande attrice che negli anni settanta un articolo di mezza colonna posizionato in basso a destra, a pagina venticinque, dopo i due paginoni sportivi, nella edizione locale di un grande quotidiano nazionale, definiva la migliore attrice che la provincia di Belluno abbia mai avuto, ricordandola per il ruolo di comparsa principale in un film con Ornella Muti, che le è servito poi come trampolino di lancio per altre produzioni cinematografiche che oggi verrebbero definite di serie B, passando per due film erotici negli anni ottanta e svariate pubblicità di articoli da cucina nei novanta. La grande attrice, ormai sessantenne, immersa nella vasca idromassaggio Jacuzzi modello energy 170, comprata a rate, immersa ma non completamente immersa, coi i capezzoli che, seguendo il ritmo del respiro appaiono e scompaiono sul pelo dell’acqua, legge sul display del proprio tablet prudentemente avvolto in una pellicola impermeabile trasparente, le decine di mail che le arrivano quasi ogni giorno. Dal piede destro, appoggiato sul bordo della vasca, una goccia d’acqua scendendo dall’alluce laccato di rosso e scrostato in alcuni punti percorre lentamente la pianta del piede fino ad arrivare al tallone per poi staccarsi con fatica dalla pelle avvizzita e precipitare sul morbido tappetino di spugna beige che in quel punto ha assunto un colore più scuro. La grande attrice passa lentamente il dito sullo schermo e scorre la posta. Elimina automaticamente quelle mail che ritiene inutili. Legge quelle in cui le viene ricordato che le sue disponibilità economiche sono ormai quasi dello stesso colore dello smalto sull’unghia del suo alluce che, incurante del conto in banca, continua a gocciolare sul tappetino acqua mista a sapone. Apre dieci mail girategli dal mittente: Nova Artist Studio Cinema Entertainment. Il suo agente. Con stizza ne legge e cancella nove in cui le vengono rifiutate, con vivo dispiacere della produzione, ospitate in vari programmi e/o quiz televisivi. Apre incuriosita quella dal titolo “a casa con mia nonna” – trama. Per poi scoprire essere la sceneggiatura tradotta e adattata per l’Italia di un film porno americano, vincitore nella categoria granny, come lo stesso regista in una nota a piè pagina tiene a far sapere, di svariati premi tra cui “migliore attrice in una scena di gruppo”.
La grande attrice lascia cadere delicatamente il tablet sul tappetino facendolo scivolare dalle dita bagnate, si immerge fino al collo nella Jacuzzi modello energy e col piede preme un pulsante accanto al rubinetto laccato oro. Un getto d’aria fa vibrare istantaneamente l’acqua che ribolle. Chiude gli occhi e si rilassa in attesa delle sua apparizione, organizzata faticosamente dal suo agente insieme all’amministrazione comunale, ad un importante evento mondano cittadino che avrà luogo la sera stessa.
In pochi minuti il vapore riempie tutta la stanza da bagno andando a formare sui sanitari, neri come la vasca e sul grande specchio, incassato in una massiccia cornice dorata decorata con motivi e abbellimenti che richiamano lo stile barocco, uno spesso strato di condensa, per poi salire lungo il cono di luce leggermente obliquo che dal lucernario nel soffitto spiovente illumina la vasca, uscire attraverso la piccola fenditura aperta nel lucernario stesso, disperdersi nell’aria e abbandonare così il piccolo bagno soppalcato al quinto ed ultimo piano di una graziosa palazzina stile liberty ristrutturata subito dopo la guerra, situata lungo un viale alberato in una tranquilla zona residenziale, nella periferia sud della città, a ridosso della spaziosa e verdeggiante piazza principale del quartiere dove, fin dal primo pomeriggio, tecnici e addetti ai lavori stanno ultimando i preparativi in previsione della grande e famosa sagra della polenta e osei che quest’anno, su diretta richiesta dell’assessore al turismo e allo spettacolo, avrà come ospite d’onore la più grande attrice che la provincia di Belluno abbia mai avuto.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'