Condividi su facebook
Condividi su twitter

Facta, non verba

di

Data

PUNTATA N.2 Addetto al triage + anziana signora cinese: – No Signora! Non capisco, deve ripetere piano! – Ahhh piano, siii piano…ecco mano, guarda mano, male mano.

PUNTATA N.2

Addetto al triage + anziana signora cinese:

– No Signora! Non capisco, deve ripetere piano!

– Ahhh piano, siii piano…ecco mano, guarda mano, male mano.

– (Chiama il collega) A France’ viè ‘n po’ qua, ce sta ‘sta cinese…

– Taa risulta che c’ho l’occhi a mandorla io? Che ce faccio co a cinese?

– E vie’ ‘n po’ che non ce capisco gnente, c’ha na mano blu!

– Na mano bluuu?

– Signora… tu cosa avere fatto con mano blu? Eh, Signo’?

– Ahhh mano, blu, siii (ride) io mano bluuu, male mano, guarda mano!

– Se vabbe’ amo capito Signo’. France’ nsomma pensace te. Lei invece? In che la posso aiutare?

– Senta (agitato), se tratta de mi padre. O vede?

– Che è, quer signore lla’?

– Mi padre.

– Mbè?

– Mi padre è cardiopatico, e l’anno scorso è pure svenuto pe tera.

– E mo è ricaduto?

– No, non è ricaduto, ma dice che nun se sente proprio bene…

– O faccia mette seduto e poi o guardamo. Tante vorte nunn’è gnente, nu stia ‘n pena.

– Mi padre è cardiopatico, e je gira a testa.

– Senta mo esco de qua e o mettemo seduto, nun se preoccupi.

– Ecco, veda lei…

– Signore! Come se sente? Je gira a testa? Me dia la mano e se metta a ssede…piano, piano.

– Ecco papà, mettete a ssede, ce sta er signore.

Amicus certus in re incerta cernitur.

– Che dice su padre?

– Gnente, ‘nsegnava latino a scola.

– Ah… se sieda, se sieda professò!

Bene agendo nunquam defessus

– Se, se…si accomodi, si accomodi.

– Allora papà, mo te lascio cor signore e ce vedemo dopo.

– Come o lasci cor signore, aò! Io mica posso sta qua!

– O vede mi padre? E’ cardiopatico…

– Amo capito tesò, ma ce devi sta te co llui!

– Io devo andà a lavoro, ve lo lascio un paio d’ore, poi arriva mi moje.

– Ma stai a scherzà? Nun ce lo poi lascià così!

– Devo scappà, devo scappa! (Si affretta verso l’uscita). O, grazie eh? Ma grazie davero. Ciao papà se vedemo dopo!

Ad maiora!

– Ma grazie n’ par de palle! Ao’!!!! Ma ‘ndo vai!!!??

– (interviene il collega Francesco) Ma che davero te lo ha lasciato?

– Hai capito?! Ma li mortacc…me scusi eh? (rivolto all’anziano professore).

Facis de necessitate virtutem

Lo guarda spazientito, poi:

– Se se…certo. Senti France’, porta qua aa cinese. Tante vorte…

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'