Un addio di merda

di

Data

– Non mi abbandonare, ti prego.  – Devo farlo, è arrivato proprio il momento, mi dispiace.  – Sei uno stronzo!

– Non mi abbandonare, ti prego.

 – Devo farlo, è arrivato proprio il momento, mi dispiace.

 – Sei uno stronzo!

 – Lo so, ma l’hai sempre saputo anche tu. Non avresti mai dovuto innamorarti di me. Addio.

 L’intestino crasso in lacrime e lo stronzo si guardarono per l’ultima volta, poi quest’ultimo rapido si allontanò, uscì dal corpo dell’uomo e precipitò dritto nel water.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'