Condividi su facebook
Condividi su twitter

Belen è bella

di

Data

Belen è bella e seduta nel bagno, sprofondata sul morbido tappeto davanti alla vasca. Belen è bella, seduta nel bagno, sprofondata sul morbido tappeto rosa, davanti alla vasca riempita fino all’orlo.

Belen è bella e seduta nel bagno, sprofondata sul morbido tappeto davanti alla vasca. Belen è bella, seduta nel bagno, sprofondata sul morbido tappeto rosa, davanti alla vasca riempita fino all’orlo. Gli occhi abbassati e gonfi, la vasca da bagno riempita fino all’orlo, il vapore carico di gli oli essenziali riempie l’aria.
Belen è nuda, seduta nel bagno quasi buio, sprofondata sul morbido tappeto, il braccio lievemente spostato dal corpo, la mano agganciata al bordo della vasca (riempita fino all’orlo) nel tentativo di tirarsi su dal morbido tappeto rosa che cammina lungo tutto il bordo della vasca fino ad arrivare alla porta chiusa.
Lo specchio, completamente appannato dal vapore, restituisce l’immagine distorta di Belen bella e nuda, seduta nel bagno quasi buio, con il viso sfatto dal pianto, sprofondata sul morbido tappeto, con il braccio lievemente spostato dal corpo, la mano agganciata al bordo della vasca.

Belen con gli occhi gonfi e abbassati, guarda a terra, in un punto non precisato del tappeto rosa che cammina lungo il bordo della vasca fino ad arrivare alla porta chiusa. Il vapore carico di oli essenziali fugge verso la luce che filtra da sotto la porta del bagno, dove Belen nuda, con il viso sfatto è sprofondata sul morbido tappeto davanti la vasca, il braccio leggermente spostato dal corpo, la mano agganciata al bordo della vasca riempita fino all’orlo, tentando di tirarsi su dal morbido tappeto.
Il vapore fugge verso la luce che filtra da sotto la porta del bagno chiusa, balla nel corridoio fino ad arrivare alla camera da letto, volando sopra i vestiti scomposti che Belen nuda e sfatta nel bagno, sprofondata sul morbido tappeto rosa davanti alla vasca riempita fino all’orlo, ha buttato spogliandosi nel corridoio. Il vapore corre verso la luce della camera da letto e si infila tra lo stretto spazio lasciato dalla finestra aperta e la tenda che batte al vento.
Il vapore sale dalla vasca riempita fino all’orlo, appanna lo specchio con l’immagine di Belen bella, nuda e sfatta dal pianto, sale e poi scende rapido veloce sotto la porta e vola sopra i vestiti di Belen, inversamente alla loro caduta, veloce fino ad infilarsi tra lo stretto spazio lasciato dalla finestra aperta e la tenda che batte al vento; scende giù verso il giardino, fino al cancello.

Il vapore che sale dalla vasca riempita fino all’orlo, velocemente fugge verso la luce che filtra da sotto la porta, corre sui vestiti abbandonati da Belen tra il corridoio e la camera da letto, e si infila tra lo stretto spazio lasciato dalla finestra aperta e la tenda che batte al vento.
Scende giù lungo la scalinata di marmo, sopra le aiuole di rose, fino al pesante cancello di ferro battuto che si sta chiudendo.
Il vapore scende giù lungo la scalinata, sopra le rose, fino a disperdersi davanti al cancello che si sta chiudendo dietro la fuoriserie di lui che va via, lasciando Belen bella, nuda e con il viso sfatto dal pianto, sprofondata sul morbido tappeto rosa davanti alla vasca, chiusa nel bagno.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'