Condividi su facebook
Condividi su twitter

Cappuccino matto

di

Data

C’era una volta Cappuccino Matto che a un certo punto nel bosco incontra il Lupo Pio e le cose non vanno come vanno generalmente nelle favole. Un racconto di Antonio Toshiro Garofalo.

Una brutta mattina di pioggia Cappuccino Matto deve andare da Nonna Elva. Cappuccino Matto è piccolo, antipatico ed egoista. La madre di Cappuccino è una donna matta.

Quel giorno la madre gli sta preparando il cesto di cibo per la nonna ovvero: carote ammuffite, pere contagiate, vino gassoso, un’intera testa di maiale cruda, un ammasso di peperoncino che ti scalda la bocca a 400°C e qualche rospo puzzolente.

Cappuccino è pronto, ma la madre gli ricorda un’ultima cosa, di raccogliere ghiande da tirare alla nonna, “sono sicura che farà molto piacere a lei!” Allora Cappuccino cammina per il paese e non c’è nessuno, è silenzioso. L’unica cosa che sente è la cicciona del bar che urla, “aiuto, c’è un ratto nel mio bar!”

Cappuccino si addentra nel fitto bosco raccogliendo le ghiande. Gli appare davanti agli occhi il Lupo Pio. “Ciao Cappuccino, come va la giornata?” Cappuccino risponde con qualche pernacchia e due o tre ghiande in testa al lupo. “Cappuccino, datti una moderata! Dove vai?” “Dalla nonna.” “Cappuccino, che nascondi in quel cesto inquietante?” “Fatti gli affari tuoi!”

Fra sé in sé il Lupo Pio inizia a preoccuparsi per cosa c’è in quel cesto e di cosa succederà all’adorata Nonna Elva. Gli viene un’idea: lui deve raggiungere Nonna Elva prima di Cappuccino Matto, avvisarla e fare finta di essere lei. Il Lupo Pio arriva appena in tempo.

Cappuccino bussa e dice, “nonna sei viva?” Il Lupo Pio trasvestito da nonna risponde, “entra pure mio caro.” Cappuccino entra, gli passa il cesto e inizia a tirare le ghiande come un pazzo. “Cappuccino smettila!” e lui non smette. Il lupo apre il cesto e salta dallo spavento, “oddio!” Cappuccino gli dice, “dai nonna che ti fa bene!” Il Lupo Pio è costretto e inizia a mangiare.

La nonna invece nel frattempo va a spasso e quando torna vede quelle schifezze e pensa quanto è gentile il Lupo Pio e soprattutto quanto è matta la sua famiglia.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'