Condividi su facebook
Condividi su twitter

Data

Poi vidi di lato un essere rosso che mi urlava “aho aho ho fame che devo fa?” tutta spaventata rimasi a guardarlo, era rosso, occhi piccoli, bocca molto grande e delle unghie tutte morsicchiate. Un racconto di Giulia Zaffarano.

Era sera, mi stavo per mettere a letto quando… sentii il solletico sotto il piede, non capivo che cosa fosse, alzai le coperte e… niente non c’era niente. Poi vidi di lato un essere rosso che mi urlava “aho aho ho fame che devo fa?” tutta spaventata rimasi a guardarlo, era rosso, occhi piccoli, bocca molto grande e delle unghie tutte morsicchiate.
Mi chiamò una seconda volta “Ti ho già detto che ho fame”. Gli chiesi “ma tu chi sei… da dove vieni?” Il mostro con una faccia da schiaffi mi rispose: “Io sono pacioccone vengo da un secchione vado nelle case per mangiare”.
Tutta impaurita corsi in cucina a prendere la Nutella, però pensai “e se mi ha mandato in cucina solo per distrarmi?”, quando torno mi potrebbe ammazzare!

Allora presi un coltello affilato tornai di là, gli porsi la nutella e ZAC! Tirai fuori il coltello e gli tagliai la gola.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'