Condividi su facebook
Condividi su twitter

Sembrava la Madonna

di

Data

Non mi ricordo che giorno era ma sicuramente non un lunedì, il lunedì mi alzo presto, mi vesto nel bagno ed esco che la città è ancora bagnata dall’umido della notte.

Non mi ricordo che giorno era ma sicuramente non un lunedì, il lunedì mi alzo presto, mi vesto nel bagno ed esco che la città è ancora bagnata dall’umido della notte. Non mi ricordo il freddo, quindi no non poteva essere un lunedì, il lunedì il freddo mi congela i pensieri e io non guardo niente, non sento niente, non bado a niente. Il lunedì, oh sì, mi scusi è che cerco di ricordare ma è difficile… Non mi ricordo. Ma sono certo di averla vista camminare lungo la strada… che cosa ha detto scusi? Com’era vestita?
Non mi ricordo… di azzurro forse di rosso, aveva un giaccone pesante grigio chiaro, no azzurrino, insomma non so, come vuole che mi ricordi? E’ passato del tempo, sa, sono una persona che deve lavorare come un mulo per sopravvivere. Dove ho trovato la sciarpa? Non mi ricordo. Forse le è caduta mentre camminava. Che ne so… Forse l’ho trovata un altro giorno. Che ne sapevo che era sua la sciarpa? L’ho indossata perché faceva freddo e non avevo la mia, lo so che è una sciarpa da donna, ma è una bella sciarpa, con un bel profumo.
Sì, di lunedì. La sciarpa l’ho trovata di lunedì, ora mi ricordo. Se faceva freddo era di lunedì, il lunedì mi alzo presto, mi vesto nel bagno ed esco che la città… sì mi scusi è che non mi ricordo e ripetere le cose mi aiuta a ricordare. Mi fate tutte queste domande, sono ore che mi tenete qui, io devo andare in bagno. Perché non le ho ridato la sciarpa? Ma perché mi piaceva ecco perché, e poi come facevo a ridarle la sciarpa? Non sapevo di chi era quella sciarpa e poi lei era… lei non c’era. Cosa? No, non le ho parlato. Che fate voialtri parlate con tutti quelli che incontrate per strada, eh? No, non faceva freddo… Il freddo mi congela i pensieri e io non guardo niente, non sento niente, non bado a niente.
L’ho notata perché era bella, vestita di azzurro, con un giaccone azzurro, con quella lunga sciarpa azzurra. Sembrava la Madonna, la fata turchina. Aveva indosso la sciarpa? Che volete che mi ricordi della sciarpa, è passato del tempo, sa, sono una persona che deve lavorare come un mulo per sopravvivere. No, non era per il freddo… L’ho presa solo per il profumo. Solo per il profumo.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'