Condividi su facebook
Condividi su twitter

Data

La polizia e quelli del pronto intervento non cavano un ragno dal buco. La voce implorante del marito non ottiene l’effetto sperato. La donna resta sul cornicione, ma minaccia, non ancora per molto.

La polizia e quelli del pronto intervento non cavano un ragno dal buco. La voce implorante del marito non ottiene l’effetto sperato. La donna resta sul cornicione, ma minaccia, non ancora per molto.
Immagino che tocchi a me convincerla a scendere.
Si vabbe’, ma poi a me chi mi salva? Sicuro va a finire che io cado e muoio davanti a tutti, mentre lei si salva e come minimo vince la lotteria il giorno dopo. Ma poi dovrei inerpicarmi fin lassù per dirle cosa? Le racconterei del perché vorrei tanto buttarmi anche io, le confesserei che se ancora non l’ho fatto è solo perché sono certo che non ne morirei, mi farei solo malissimo.
Comunque potrei prendere l’ascensore, del resto si vuole buttare, mica va a fuoco.
Certo che urla molto forte, o forse non è così in alto come sembra. Mi sentirà?
“Non buttarti, così ti farai solo malissimo. Sali altri tre o quattro piani”
“Dici?”
“Fidati, se ti vedessi da qui non ti butteresti”.
Si butta, mi prende pieno. Mi sono fatto malissimo.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'