Una bella frase… forse

di

Data

Ma chi l’ha detto che i baci perugina sono sempre dolci? A volte possono anche loro risultare molto amari. Al palato, e al cuore.

Sosta taxi Trinità dei Monti. Ore 03.00. Sono solo alla sosta e sto leggendo, quando sento bussarmi sul finestrino. Il tipo è molto elegante, sui quaranta, chiaramente ubriaco.

– Non voglio nessun passaggio – biascica con accento del nord appena apro il vetro – voglio solo leggerti una frase.

Senza aspettare la mia risposta, prende dalla tasca del cappotto uno di quei bigliettini che si trovano nei baci perugina, si schiarisce la voce ed esclama: – Giocare a nascondino, questo è l’amore!

– Bella – faccio io.

– Bella il cazzo! – ribatte lui – La mia donna si è nascosta un anno fa, e io non l’ho più trovata!

Lo scambio di battute termina qui. Il tipo mi guarda in modo feroce qualche secondo, poi ripiega il biglietto, se lo rimette in tasca e arranca verso l’entrata dell’hotel Hussler. Chissà chi l’ha scritta, penso invece io, tornando al mio libro.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'