Condividi su facebook
Condividi su twitter

Lettera al direttore, l’ottima vanitosa

di

Data

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la candidatura di Federica, studente al quarto anno del Liceo Classico Quarenghi di Subiaco.

Sfogliando il giornale di oggi, mi sono trovata a leggere la sua proposta di assunzione nella sua agenzia. Penso che io possa essere la persona che sta cercando. Da quello che ho letto si richiedono specifiche qualità individuali quali serietà, determinazione e puntualità. E mi sono detta “Chi, se non io?”.

Partiamo appunto dalla puntualità, odio far aspettare semplicemente perché odio aspettare io stessa, quando mi capiterà di svolgere servizi e interviste mi troverò sul luogo giusto al momento giusto, ho fiuto per le notizie! Non mi lascio scappare nulla! Adesso potrà chiedersi magari perché, dato che mi considero così brava, io sia al momento senza lavoro; la risposta è semplice: l’agenzia per la quale lavoravo prima non era alla mia altezza, ed è per questo che ora sto cercando altre strade.

Ho lavorato recentemente per una discreta testata giornalistica, le sarà sicuramente capitato sott’occhio l’articolo riguardante lo scandalo “Rifiuti in Campania” scritto di mio pugno.

La mia determinazione e la mia serietà mi consentono di arrivare fino al fulcro del problema, di scavare affondo e di non fermarmi davanti a nulla col fine di mostrare la verità dei nostri giorni, una verità a volta terribile, che ha tutto il diritto di essere rivelata.

Spero che le mie parole possano esserle risultate interessanti.

Mi auguro di ricevere presto la sua chiamata.

Chiara Ricci

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'