Condividi su facebook
Condividi su twitter

Numeri e parole: il grande tilt

di

Data

Spesso chi impugna la penna, la brandisce come un’arma, scrive per tedio o per presunto genio, altri scrivono solo sms e liste della spesa – che anche sanno essere...

Spesso chi impugna la penna, la brandisce come un’arma, scrive per tedio o per presunto genio, altri scrivono solo sms e liste della spesa – che anche sanno essere estremamente poetiche – e nascosto tra tutti costoro c’è chi scrive, come me, perché è un uomo di numeri, ignorante in materia letteraria –

noi accerchiati da conti e cifre ed equazioni che non sanno nemmeno loro dove vogliano andare a parare, pur sapendo bene da dove sono venuti – quando un arabo un giorno, seduto in un’oasi, decise di sapere con precisione quanti cammelli aveva con sé, e scrisse un segnaccio con il dito sulla sabbia –

questi numeri che un bel giorno si sono ribellati e hanno deciso di andare per conto loro, rovesciando l’ordine, immemori di essere nati da quell’arabo puntiglioso che contò i propri cammelli,

quell’arabo che aveva provato piacere nello scrivere,

quel primo numero,

perché quell’arabo ha sperimentato il piacere di scrivere qualcosa che non c’era, inconsapevole che dal piacere ingenuo sarebbero nate spirali logaritmiche e integrali,

ma nessuno sa come ci si è arrivati, eppure si inseguono risultati astratti con paradossale e infaticabile abnegazione, e allora se ci si ferma un istante ci si rende conto che ci sono molte domande:

chi era quell’arabo, dove andava, chi avrebbe acquistato quei cammelli, chi incontrò quel fatidico maledetto giorno in cui i numeri nacquero e che pensava, e perché quell’ansa del fiume in quell’oasi gli ricordava una donna grassa, e altro e altro ancora, fino all’epifania:

ci sono tantissimi personaggi, ma non abbastanza storie, è per questo che non posso fare a meno di scrivere, per dare un ambiente, una trama, una vita e un volto a tutti quei personaggi che non hanno avuto la fortuna di Ivanhoe o di re Lear.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'