Condividi su facebook
Condividi su twitter

Fotocronaca di uno Slam con cane

di

Data

Quando sono arrivato la sala dell’auditorio è già piena, come ogni volta che si tiene un Fantareale chiaramente, ma oggi in particolare in quanto la serata era d’obbligo.

Quando sono arrivato la sala dell’auditorio è già piena, come ogni volta che si tiene un Fantareale chiaramente, ma oggi in particolare in quanto la serata era d’obbligo.

I partecipanti della gara questa volta si devono destreggiare sul bracchetto più famoso del mondo, e non parliamo di Bracco Baldo bensì di Snoopy, lo scrittore incompreso.

Dall’introduzione dei creatori del Fantareale già si respira un’atmosfera familiare: in effetti sembra di essere in una riunione di amici di vecchio tempo dove ci si raccontano le proprie piccole storie tenere fantasiose e senza un fine competitivo.

In quasi tutti i racconti, chiaramente, Snoopy irrompe di forza nel mondo degli umani con vigore oppure facendo capolino nello spiare le vicende degli autori.

Gli sfidanti aspettano il loro turno attendendo sul banco “degli imputati” per duellare a colpi di parole….

Arriva il verdetto, la vincitrice viene decisa per alzata di mano del pubblico. Il voto è quasi unanime e si becca anche il premio della giuria… Mbe’ bel colpo.

La serata finisce con la rilettura del primo premio della vincitrice e la consegna del bottino.
E allora arrivederci alla prossima slammata.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'