Condividi su facebook
Condividi su twitter

La Migliore Offerta di Giuseppe Tornatore

di

Data

La Migliore Offerta, ultima pellicola di Giuseppe Tornatore, è prima di ogni altra cosa uno splendido giallo, un intrigo misterioso che tende al noir.

La Migliore Offerta, ultima pellicola di Giuseppe Tornatore, è prima di ogni altra cosa uno splendido giallo, un intrigo misterioso che tende al noir. Tra thriller e romanticismo, si narrano le misteriose circostanze in cui viene a trovarsi un rinomato battitore d’aste e collezionista di dipinti, Virgil Oldman.

Virgil Oldman trascorre una vita tanto lussuosa quanto solitaria. Non ha mai provato ad avere una donna al suo fianco e il suo unico interesse e l’arte; fino a quando ottiene un incarico telefonico da Claire, giovane erede di una ricca famiglia.

La ragazza ha bisogno che venga fatta una valutazione degli oggetti pregiati e di gran valore che arredano la sua villa ma non compare mai agli appuntamenti. Virgil, si irrita per questo comportamento della donna, ma al tempo stesso ne viene attirato.

Tornatore è capace di mostrare tutte le sue doti di sceneggiatore e di regista rivolgendosi  ad un vasto pubblico, ed esce dalla gabbia della sicilianità. Il cast è eccellente e la scelta degli attori è quella di nomi internazionali. Il film è stato girato in varie località italiane e straniere tra cui Trieste, Vienna e Praga. Frutto di un congegno quasi perfetto, questa pellicola non a caso si occupa d’arte e di antiquariato: è soprattutto un succedersi e un susseguirsi di quadri splendidi, di opere figurative attraenti, una vera gioia per i collezionisti. E insieme vi è anche la cura e l’attenzione della sceneggiatura.

Nell’intreccio, abilissimo, vi è poi un esaltazione di citazioni cinematografiche: la casa diroccata e la nana enigmatica che sta nel bar di fronte, sembrano indulgere all’horror, c’è grande attenzione alla bellezza di Claire, c’è il “topos” del vecchio misantropo che si apre alla vita, ai sentimenti e all’amore. Non mancano nel film anche alcuni momenti che sembrano umoristici, se non comici.

In conclusione, un’opera di livello davvero molto alta, che conquista e riesce anche ad incantare.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'