Condividi su facebook
Condividi su twitter

Peppino di Capri al Sistina

di

Data

Peppino di Capri è stato in scena al Sistina, accompagnato da un’orchestra di 32 elementi. La musica è fatta di ritorni, ma nel caso di Peppino...

Peppino di Capri è stato in scena al Sistina, accompagnato da un’orchestra di 32 elementi.

La musica è fatta di ritorni, ma nel caso di Peppino di Capri c’è qualcosa di più perché è uno di quei nomi che suscita ricordi fortissimi, infatti la sua voce personale e il suo stile originale hanno contribuito a cambiare la canzone italiana: le sue canzoni sono la colonna sonora di un’epoca e di una fase felice, e Peppino nel corso degli anni si è sempre mantenuto fedele a se stesso. Oggi il cantante ha 73 anni, vive ancora nella sua Napoli, ed è uno dei pochi ad aver preferito restare nella sua città («quei pochi che funzionano si sono tutti trasferiti a Roma»), e si rallegra a fare la musica che gli piace.

Peppino è accompagnato da una grande orchestra e rilegge alcuni classici della canzone internazionale, senza scordare il suo passato. Ed è su questa strada che è nata la convinzione di mettere in piedi uno spettacolo.

Per le troppe richieste, il cantante napoletano ha raddoppiato le date al Sistina. «È una bella soddisfazione» ammette, riferendo che nel corso dello show farà un bel viaggio all’indietro, passando dalla sua “Roberta” al classico americano “When I fall in love”.

«Naturalmente – rassicura subito – farò anche tutti i miei successi, quelli che hanno segnato la mia carriera che dura ormai da 54 anni. Canterò “Champagne”, “Let’s twist again”».

Eccezionale, infine, anche la scenografia che racconta attraverso immagini il mare, tanto caro a Peppino di Capri.

Peppino, nel suo concerto, ha dato tutto se stesso al pubblico per quasi 3 ore, parlando anche di aneddoti della sua vita.

Alla fine dello spettacolo il pubblico lo ha salutato con grandissimo calore e gli applausi sembravano non finire mai.

Lo spettacolo si è così concluso.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'