Condividi su facebook
Condividi su twitter

Sherlock Holmes

di

Data

È lei Sir Sherlock? E chi vuole che sia. Stavo per andarmene. Ho il mio concerto di violino al circolo reduci della Prima Guerra Mondiale; alla fine della mia performance ci sarà anche il buffet offerto dall’Esercito della salvezza.

È lei Sir Sherlock?
E chi vuole che sia. Stavo per andarmene. Ho il mio concerto di violino al circolo reduci della Prima Guerra Mondiale; alla fine della mia performance ci sarà anche il buffet offerto dall’Esercito della salvezza.

Ci scusi tanto Signor Holmes abbiamo fatto un po’ tardi… e il Dottor Watson?
Quel tanghero!!! Abbiamo litigato. Voleva andare alla manifestazione in favore dei Dico a Piazza Farnese… con me capisce, mano nella mano. Ma le sembra il caso?

Beh Signor Holmes, sì è sempre un po’ sussurrato che aveste una relazione omo…
Omo che? Ma lei è pazzo, io fui, sono e resterò sempre un grande amante del genere femminile. La mia più grande conquista, adesso lo posso anche confessare… è stata… la Signora Thatcher.

La signora Thatcher, il primo ministro?
Chi altri se non lei, con quei capelli cotonati che mi mandavano in brodo di giuggiole. Le facevo i dispetti, sa, con l’archetto del violino. Le solleticavo la nuca, proprio nei momenti meno indicati. Ricordo che facemmo sesso sfrenato dopo che lei aveva dichiarato guerra all’Argentina per le Isole Falkland. Quello delle Falkland è stato il nostro periodo più bello.

E il dottor Watson come prese questa relazione?
Mi tolse la dose e appoggiò le rivendicazioni del sindacato minatori di Scargill. A lui attizzano così tanto i minatori!!!

Quale dose le tolse il Dottor Watson?
La cocaina, sciocchino! A proposito, se lo incontra, mi saluti tanto Lapo Elkann. Ho avuto modo di conoscerlo a Saint Moritz. Persona squisita e con un grande gusto estetico. Trovo splendidi gli occhiali che ha messo sul mercato. Ha un fiuto eccelso quel ragazzo, non c’è che dire.

Lei e il Dottor Watson siete comunque stati visti al Mucca Assassina qualche mese fa?
Ah sì, il Dottor Watson aveva acquistato un completo da drag-queen e non voleva perdere l’occasione di provarselo. È così vanitoso! Mi aveva perfino convinto a girare con una parrucca tipo Raffaella Carrà. Ma non si abbinava alla mia pipa… Ehm, scusi… le posso fare una domanda?

Certo Sir Sherlock?
Conosce per caso Lele Mora?

No Sir.
Peccato!!! Sa, non è un periodo molto brillante per me. Questi Doctor House, questi NCC, SSI, CSI, URSS… tutti questi investigatori dei miei stivali che fanno le indagini e hanno una vita piena di problemi, psicopatologie, nevrastenie sono delle mie bruttissime copie e in più mi tolgono il lavoro. Sono sicuro che un intervento di Lele mi farebbe tornare in auge. Pensi che bel servizio fotografico con me che esco da un locale privè tenendo per mano Alda D’Eusanio e Rosy Bindi.

Che orrore Sir!!!
Si sbaglia, l’orrore è soltanto nell’occhio di chi guarda.

E che vuol dire?
Non lo so, mio caro… sto per avere un attacco di astinenza… Ho deciso. Parto.

E dove va Sir?
A Firenze. Amo molto fare i bagni in Arno. Ci sono delle sostanze dentro quel fiume che mi fanno stare meravigliosamente bene. E’ come se andassi a fare le cure termali. Ciao caro.

Sir, e il concerto per i reduci?
Tenga, le presto il violino. Tanto quelli sono sordi, non si accorgeranno di niente. E che Dio salvi le Drag-queen!!

Sir, ma non ha detto poco fa di essere etero…
Etero che?

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'