Condividi su facebook
Condividi su twitter

Incontro col vampiro

di

Data

Chi di noi nel corso della sua vita non ha mai incontrato un vampiro? A me è successo poco tempo fa, durante una festa in campagna, a casa di amici. C’era questo bel ragazzo moro,
Chi di noi nel corso della sua vita non ha mai incontrato un vampiro? A me è successo poco tempo fa, durante una festa in campagna, a casa di amici.
C’era questo bel ragazzo moro, tanto pallido e tanto in disparte, e io lo guardavo con una certa insistenza perché ero incuriosita dai suoi occhi che avevano insoliti riflessi rossastri. Lui deve aver notato che lo guardavo e si è avvicinato per attaccare discorso. Probabilmente avrei dovuto cominciare a intuire qualcosa quando si è presentato come Canino Bloodylove, ma in quel momento mi era sembrato un nome come tanti altri. Dopo i primi convenevoli piuttosto banali durante i quali discutemmo del mio gruppo sanguigno, mi invitò a ballare. Era un ballerino prodigioso, tanto che ci pestammo i piedi solo raramente, ma era freddo come un blocco di ghiaccio e glielo dissi.
– E’ normale – rispose lui – io sono un non-morto.
– Che c’entra –  replicai. – Anch’io non sono morta, ma neanche sono così fredda! Tu, secondo me, stai covando un’influenza.
– Tu non capisci! – sibilò allora con gli occhi che sembravano due lanterne rosse. – Io sono un non-morto, non-vivo!
– A me sembri soprattutto un po’ confuso – replicai io che proprio non riuscivo a capire. – Forse è meglio che vieni fuori al sole, così magari ti si scongela il cervello.
Lui che era già pallido diventò terreo.
– No!- urlò. – Alla luce tutti mi vedrebbero brillare!
– Senti dolcezza – gli dissi allora con malcelata irritazione. – Sei bellino, ma così te la tiri veramente un po’ troppo.
– Io non mi tiro un bel niente! – rispose lui ancora più seccato. – Semmai io lo tiro agli altri! Anzi, spostati in quell’angolo buio che ti do un morso.
Capirai, io ho due fratelli maschi e quello voleva fare a morsi con me! Così gli ho allungato un pestone e, quando si è chinato, l’ho morso sul collo.
A quel punto Canino si è trasformato in un pipistrello ed è scappato via, mentre a me è rimasto in bocca per giorni uno sgradevole sapore di topo.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'