Condividi su facebook
Condividi su twitter

Le cose che voglio dire le faccio dire ad altri

di

Data

Io, quando la gente mi chiede Ma tu che fai? Io dico, di solito, che faccio l’insegnante e che nel mio tempo libero scrivo. Nel mio tempo libero, dico...

Io, quando la gente mi chiede Ma tu che fai? Io dico, di solito, che faccio l’insegnante e che nel mio tempo libero scrivo. Nel mio tempo libero, dico io, io scrivo. Mi piace scrivere. E la gente quando uno gli dice che scrive diventa curiosa e di solito dicono Ah sii? E che cosa scrivi di bello? Che poi a me mi viene subito il dubbio, quando la gente mi chiede così, che quando uno scrive debba sempre scrivere cose belle, che se ci penso non riesco proprio a capire che significa scrivere cose belle. E allora, di solito, io rispondo che Non scrivo niente di bello, che Scrivo e basta.

E c’è una spiegazione scientifica e una poetica per spiegare perché io scrivo alle persone che mi chiedono Perché tu scrivi?

Quella scientifica suona così: Scrivo perché lo Scrivere, per l’anima, è come il Defecare per il corpo.

Scusate l’accostamento, dico poi di solito a quelli che mi chiedono perché scrivo, il fatto che ci siano persone che scrivono anche delle cagate non c’entra con quello che voglio dire, che quello che voglio dire è che tutto quello che entra si trasforma e poi vuole uscire di nuovo. Ecco, in questo senso, lo Scrivere è un processo di trasformazione di qualcosa che è entrato e che poi vuole riuscire, un po’ come quando si va di corpo.

Poi c’è la spiegazione quella poetica che suona così: Che Io scrivo perché voglio dire delle cose che se le dicessi non sarebbero così come quando le scrivo e allora preferisco scriverle queste cose che in realtà vorrei dire e le faccio dire agli altri, che mi sembra, dico io, che così abbiano come un’altra forma, come se in bocca a qualcun altro, piuttosto che in bocca a me, fossero meravigliose, che quando le incontri, queste cose che io vorrei dire ma che invece ho scritto, sulla carta bianca, è come una sorpresa bellissima.

È proprio come quando ci si mette il vestito buono, quello della domenica, rispondo io, alla gente che mi chiede perché scrivo.

Altri racconti
in archivio

Sfoglia
MagO'